ZHUKOUSKI: “MI TROVO BENISSIMO A PERUGIA"


 catiarossi    10 set 2019

zhukouski_3.jpg

zhukouski_1.jpg

ZHUKOUSKI: “MI TROVO BENISSIMO A PERUGIA. E L’ITALIA ORMAI È COME UNA SECONDA CASA”
- Doppio allenamento oggi per i Block Devils al PalaBarton. Parla il regista croato: “Con la mia famiglia siamo arrivati alcuni giorni prima dell’inizio della preparazione per prendere confidenza con la città e siamo contenti di essere qui. Sono al sesto anno in Italia, un paese che mi piace molto. E vado matto per la pasta!” -


zhukouski_2.jpg

COMUNICATO STAMPA SIR SAFETY PERUGIA del 10/9/2019

PERUGIA – Prosegue il lavoro per la Sir Safety Conad Perugia.
Seduta atletica in sala pesi stamattina per il trio Piccinelli-Ricci-Zhukouski, allenamento tecnico in programma oggi pomeriggio al PalaBarton con l’apporto di alcuni elementi della serie B. Questo il menù odierno per Perugia in attesa dell’arrivo dei vari nazionali impegnati agli Europei e, nel caso di De Cecco, nei Sudamericani.
Chi agli Europei non ci sarà è il regista croato Tsimafei Zhukouski che non ha centrato la qualificazione con la sua nazionale (“Purtroppo non ci siamo qualificati - dice Tsimafei - ma stiamo crescendo. Da quest’anno abbiamo un nuovo allenatore, l’italiano Emanuele Zanini, e speriamo di fare bene in futuro”). Il ventinovenne palleggiatore bianconero (compirà trenta anni il prossimo 18 dicembre) si è quindi subito tuffato nell’avventura perugina. E lo ha fatto prima di tutti, arrivando in città con tutta la famiglia diversi giorni prima dell’inizio della preparazione:
“È vero, siamo arrivati a Perugia il 17 agosto (la preparazione ha preso il via il 22, ndr) perché volevamo conoscere la città e prendere confidenza con tranquillità di una nuova realtà. Nelle passate stagione arrivavamo sempre un giorno prima ed era complicato, così abbiamo deciso di venire prima. Io e la mia famiglia ci troviamo benissimo a Perugia, una bellissima città, e siamo contenti di essere qui”.
L’Italia è ormai nel cuore del regista croato che svela anche il suo “punto debole” a tavola:
“Questo che inizia è il mio sesto anno in Italia (dopo le stagioni a San Giustino, Monza, Ravenna, Civitanova e Vibo, ndr) e mi sento come a casa, anzi l’Italia è un po’ la mia seconda casa. È un paese che mi piace molto ed apprezzo soprattutto la vostra cucina. Il piatto preferito? Mangio tanta pasta, quindi qualsiasi tipo di pasta per me è perfetta!”.
Conclusione ovviamente sulla nuova stagione che lo attende in maglia bianconera:
“Certamente in questa fase con gli allenamenti è un po’ dura. Stiamo spingendo tanto sotto l’aspetto fisico, meno ovviamente su quello tecnico, ma siamo in pochi ed è difficile fare diversamente. Per me inizia una nuova avventura con i miei nuovi compagni. Speriamo di fare una buona stagione e sicuramente daremo il 100% per raggiungere i nostri obiettivi”.

 

UFFICIO STAMPA SIR SAFETY CONAD PERUGIA




Categorie News